Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_zagabria

SUVENIR - mostra fotografica di Emanuele Mascioni

Data:

22/01/2018


SUVENIR - mostra fotografica di Emanuele Mascioni

Installazione fotografica di Emanuele Mascioni

22 gennaio –12 febbraio 2018

Inaugurazione: lunedì 22 gennaio, ore 19.30

Knjižnica i čitaonica Bogdana Ogrizovića
Preradovićeva 5, 10000, Zagreb

Con il patrocinio dell’Istituto di Cultura Italiano a Zagabria.

Da sempre la città di Zagabria è una delle capitali di un'arte concettuale e d'azione che trova nello spazio pubblico il suo palcoscenico privilegiato. Dall’attività dei suoi gruppi d’avanguardia degli anni ’50 -’70 fino alle ultime generazioni, l’arte è libertà spirituale e intellettuale che si rivolge al pubblico non solo nel chiuso delle gallerie e degli eventi privati, ma all’aperto, nelle sue strade, nelle sue piazze, attraverso le vetrine. SUVENIR è il titolo dell’installazione fotografica di Emanuele Mascioni appositamente realizzata con questo spirito per le vetrine alla City Library Bogdan Ogrizović che si affacciano su Preradovićeva - una delle principali strade pedonali della capitale croata. È costituita da 9 fotografie montate su lightbox che riprendono animali impagliati della collezione del Museo Nazionale della Bosnia ed Erzegovina di Sarajevo. Il progetto vuole essere una riflessione insieme sulla fotografia e sulla funzione dell’istituzione che ospita la mostra: la biblioteca della città. L’animale impagliato ha infatti di per sé già molto della fotografia: non è che il congelamento di un movimento significativo di un corpo vivente, al fine di permetterne un’osservazione lenta, uno studio analitico, che non sarebbe possibile in flagranza. Altresì il suo scopo è quello di consentirne la conservazione come immagine, esattamente nei modi in cui una biblioteca conserva impressa nella carta stampata la testimonianza stabile della parola e del pensiero vivente. La scelta del lightbox è poi motivata dalla necessità di far funzionare queste istanze nello spazio “fuori” dall’istituzione: la memoria è restituita come fonte di conoscenza della nostra storia e insieme “corpo illuminante”, che come un flash di una macchina fotografica ci coglie nel flusso delle nostre attività quotidiane e ci costringe a un istante di accresciuta consapevolezza. Suvenir. Un’insegna luminosa al neon ne celebra il rito pop nella cultura urbana.

Emanuele Mascioni (Roma, 1967). Sin dagli anni '80 lavora nel mondo della fotografia di moda. La sua casa di produzione MAI Ltd.con sede a Londra è il punto di riferimento di celebri fotografi internazionali. Collabora con le più influenti riviste di settore.

Da sempre la sua produzione fotografica è affiancata ad una indagine personale sui luoghi della microstoria quotidiana, ai margini dei grandi movimenti storici, economici e politici, dove l'accadimento acquisisce diverse dimensioni di significato.

Nel 2017 si è tenuta la sua prima retrospettiva intitolata "The Museum is closed" (2013-2017) al Museo Nazionale e al Museo di Storia di Bosnia ed Erzegovina, con il patrocinio dell'Ambasciata d’Italia e del Ministero della Cultura del Cantone di Sarajevo. La serie "Il Taccuino di Bor" realizzata in Serbia nel 2016 è stata ufficialmente selezionata per il Budapest Photo Festival 2018.

Per ulteriori informazioni: info@em-projects.net

Immagine: Suvenir #7, 2017 © Emanuele Mascioni

Informazioni

Data: da Lun 22 Gen 2018 a Lun 12 Feb 2018

Orario: Alle 19:30

In collaborazione con : Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


Luogo:

Zagreb

1456