Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Inutile (Frontiers of Peace: a shared cultural heritage)

Data:

23/11/2019


Inutile (Frontiers of Peace: a shared cultural heritage)

Nell'ambito del progetto EUNIC, Frontiers of Peace: a shared cultural heritage

IN_UTILE è un percorso laboratoriale organizzato dall’associazione culturale Furclap che ha coinvolto 15 studenti del Liceo Malignani di Udine.

Il concept del progetto ha trovato la sua centralità su tre temi fondamentali:

Creatività, Immaginazione, Trasformazione.

E' stata elaborata una riflessione sulla dicotomia Utile / Inutile analizzando vari ambiti: cinema, musica, letteratura e filosofia grazie all’apporto di esperti.

Dopo un significativo percorso concettuale (durato circa 4 mesi) assieme ai giovani studenti, l'associazione Furclap ha progettato una installazione la quale doveva simbolicamente rappresentare la sintesi delle loro riflessioni.

Hanno recuperato materiale di scarto trovato nell’ambiente scolastico e costruito un “mandala” del diametro di 3,5 metri.

Questo risultato e' stato presentato nel corso di una performance all’interno dell’Istituto scolastico udinese e, dopo essersi iscritti ad un concorso, sono entrati fra i gruppi premiati con l’esposizione dell’opera alla recente Biennale di Venezia.

Il mandala esprime le problematiche legate al riuso, l’ambiente, la sostenibilità ma soprattutto segnala la tesi della trasformazione, vaglia dire trasformare una cosa divenuta obsoleta in qualcosa di nuovamente utile. Se necessario modificando la funzione originaria della cosa stessa. Tale riflessione e' stata applicata anche al pensiero: si può e si deve avere la possibilità di trasformare le proprie idee perché ciò significa elaborazione culturale e quindi crescita sociale.

Nella performance di Trieste (23 novembre) la riflessio verra' allargata usando il mandala (si utilizzeranno come scenografia le proiezioni delle foto del mandala) in qualita' di simbolo di apertura dei confini e di integrazione.

Infatti il mandala è composto da materiali apparentemente incompatibili (ferro, muschio, carta…) così come i popoli, apparentemente incompatibili, possono tranquillamente vivere assieme in armonia.

Informazioni

Data: Sab 23 Nov 2019

Orario: Alle 20:30

Organizzato da : Furclap e FARE

In collaborazione con : Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


Luogo:

Hangar teatri, Via Pecenco 10, Trieste

1597